lunedì 30 ottobre 2017

Protezioni: le ragioni del SI e quelle del NO

Non esiste una vera e propria regolamentazione su come andare in MTB, anche se i dispositivi di protezione individuale esistono come in tutte le attività sportive o lavorative con rischio di caduta a terra.



Eppure osservando un qualsiasi gruppo di bikers in movimento si noterà quanto eterogenea sia la loro disposizione in questi termini: per fortuna almeno sul casco siamo tutti d'accordo anche se vi sono modelli molto diversi tra loro.
Quanto alle protezioni per arti inferiori e superiori non vi è altrettanta unanimità: non sui modelli ma sul fatto di indossarle o meno !
Vediamo allora quali possono essere le ragioni che inducono alcuni a farne a meno, ed altri ad indossarle.

Protezioni NO Protezioni SI

Vado piano e sto molto attento a non cadere.E se proprio cado non mi faccio molto male











Le metto anche se sono prudente perché la caduta deriva da un imprevisto o da una distrazione. Anche le cadute a bassa velocità possono avere conseguenze gravi.
Tengono caldo, mi fanno sudare Scelgo materiali leggeri e traspiranti prodotti dalle migliori marche

Sono scomode, non so dove metterle Le gomitiere stanno nello zaino, le ginocchiere si possono fissare al telaio con gli strap. In inverno si possono indossare allentate come scaldamuscoli.

Tutte le volte che son caduto le protezioni non sarebbero servite a niente Quando cado con le protezioni evito di procurarmi escoriazioni ed attutisco l'impatto, prevenendo traumi più gravi


Ed ora scegliete voi da che parte stare !

I nostri consigli



Nessun commento:

Posta un commento