martedì 20 settembre 2016

Lunga vita alla catena


Quella della Mountain Bike è "l' unica catena che ci rende liberi": un motivo in più per seguire quelle regole di buona manutenzione che le garantiscono una lunga vita.

                               



La prima forma di manutenzione riguarda la lubrificazione: un'operazione apparentemente semplice ma che se non svolta in modo corretto rischio di essere peggiorativa.

Innanzitutto non bisogna lubrificare la catena quando è sporca: l’olio si impasterebbe con le impurità e tutto questo rischia di rimanere  a vita tra le componenti della catena.
Pertanto una rimozione preliminare con uno straccio a secco è indubbiamente una prima efficace manovra.
Tuttavia per una pulizia più radicale è indispensabile uno strumento apposito che è il pulisci catena: il suo funzionamento è molto semplice ma l'acquisto di un prodotto "professionale" fa la differenza.                            
Terminata la fase pulente si lascia asciugare la catena (magari facendogli fare qualche giro sui pedali in modo che la forza centrifuga ed il vento asciughino anche eventuali infiltrazioni residue d'acqua tra i perni) e si passa all'olio.




Tra le cose da evitare c'è sicuramente l'impiego dello spray: volatilizzare particelle di olio a stretto contatto con i freni non è sicuramente una buona pratica.
Altrettanto deleterio è l'impiego di prodotti non lubrificanti scambiati per tali: quali Svitol, o WD40 (a dire il vero di recente questo marchio ha realizzato un prodotto specifico per catene, e questo può andare bene)

Meglio dunque fare uso di una buona boccetta d’olio, facilmente reperibile in commercio, solitamente nelle versioni Dry e Wet a seconda anche della stagione (estiva la prima, invernale la seconda).

L’olio va fatto scorrere maglia per maglia e si lubrifica la parte interna della catena (perché è quella che lavora a contatto con gli ingranaggi). Si lascia decantare l’olio per qualche minuto e poi si pulisce la catena con uno straccio secco per rimuovere l’olio in superficie. Questa è la fase che solitamente lascia basiti i neofiti: in realtà non facciamo altro che togliere quella parte d’olio che diventerebbe solo una trappola per lo sporco.




Un ultimo consiglio: fate sempre in modo che la catena scorra nel modo più allineato possibile tra corona e pignone, ovvero non incrociate mai il rapporto più piccolo del pignone con il più piccolo della corona, o viceversa: la catena scorrerebbe di traverso e con grande sforzo delle maglie che potrebbero persino rompersi.  

Uno sguardo sulle offerto di mercato, comprare ON-LINE è comodo ed economico

 

Pulisci Catena CM5.2 - Park Tool  

 pulisci catena

                                          

SEGUI Enduro Senza Fretta su 

 Enduro Senza Fretta FB

Nessun commento:

Posta un commento