domenica 6 ottobre 2013

Le Cascate di Plitvice...scopri come ho fatto a farle in mtb !!!

728x90 City
Tratto dal Libro 

Da Trieste A Spalato Passando Per Sarajevo E Mostar







Resto a lungo incantato da questa sublime visione: lo scorrere dell’acqua mi imprime indescrivibili sensazioni di primordiale armonia.
Ogni giorno una fiumana di persone percorre a piedi i sentieri di queste cascate come in un grande formicaio: ho avuto l’ardore di farlo in buona parte in bici, ovviamente evitando le passerelle in legno sull’acqua, e andando a passo d’uomo nei tratti più affollati. Ho utilizzato entrate e uscite secondarie, un escamotage che mi ha anche fatto risparmiare il biglietto d’ingresso. 



Non finisce qui: ho individuato un sentiero bellissimo che percorre il bosco antistante, si tratta di un percorso utilizzato dai re per godere di un panorama “reale”. L’addetta alle informazioni turistiche mi sconsiglia di intraprendere il percorso a questa ora tarda (guardo l’orologio e sono le 16! evidentemente per lei è come fossimo in piena notte) per un percorso secondo lei così lungo (ben 8 chilometri !!!) e inoltre a sua detta praticabile solo a piedi (solo a nominare la bici scuote la testa). Decido di vedere di persona la situazione: metà del percorso è una carreggiata dove passerebbe un TIR, l’altra metà è un single track dei più favolosi che abbia mai visto sia in salita che in discesa. Raggiungo qui l’apice della goduria.

Morale: chiedete consigli agli addetti dell’ufficio turistico e poi fate il contrario di quello che hanno detto. 


Devo constatare, come riflessione di fine giornata, che la natura ha creato una meravigliosa bellezza proprio in questo luogo di confine, dove l’uomo ha invece saputo seminare distruzione e morte. 

Nessun commento:

Posta un commento